Italian English French German Spanish
TwitterFacebookYoutubeBlogger
Lunedì, 19 Agosto 2019 17:32

Facebook compie 10 anni, calo dei frequentatori piu' giovani, mentre e' boom degli ultra 56enni


Da 200mila persone a 26 milioni che visitano la piattaforma almeno una volta al mese: questa l'evoluzione in Italia dal 2007 ad oggi di Facebook, il social network di Mark Zuckerberg che il 4 febbraio compie 10 anni.

Anche nel nostro Paese si e' registrato un calo dei frequentatori piu' giovani, mentre e' boom degli ultra 56enni che crescono al ritmo del 40% l'anno. "L'evoluzione di Facebook nel nostro Paese e' interessante perche' e' stata spontanea, non drogata dai media", spiega all'ANSA Vincenzo Cosenza, uno dei maggiori esperti e analisti del settore, autore di una mappa dei social network nel mondo ripresa anche dall'autorevole blog americano Mashable.com.

In Italia, secondo i dati forniti dall'Osservatorio di Cosenza (http://vincos.it/osservatorio-facebook/), e' nel 2008 che avviene il primo salto di visibilita' che porta gli utenti a superare il milione. Nel 2009 viene oltrepassata la soglia dei 10 milioni, nel 2011 quella dei 20 milioni. Fino ad arrivare agli attuali 26 milioni. Quelli che visitano la piattaforma almeno una volta al giorno sono invece 17 milioni di italiani. E negli anni si e' avuto un incremento della consultazione in mobilita' tanto che oggi gli utenti mensili da mobile sono 15 milioni. Nel corso del tempo e' rimasta pressoche' inalterata la suddivisione tra uomini e donne, rispettivamente al 52% e al 46%, con una quota di un 2% di non classificati.

Invece, cio' che e' mutato profondamente e' stata la composizione delle eta' degli iscritti. "I primi 'colonizzatori' di Facebook - osserva Cosenza - sono stati i 19-24enni che nel 2008 rappresentavano ben il 29% di tutta la popolazione iscritta. Insieme a loro i 25-29enni che erano il 22%. Oggi la prima categoria rappresenta solo il 18% degli utenti pari a 4,6 milioni di persone e la seconda il 12% ossia 3,2 milioni. In questa redistribuzione dovuta alla massificazione, ha assunto un peso prevalente la popolazione piu' anziana, soprattutto quella di eta' 36-45 che ora rappresenta il 21% ossia 5,4 milioni di individui".

Nell'ultimo periodo la fetta di iscritti che cresce di piu', al ritmo di un 40% all'anno, e' quella degli ultra 56enni. Cala, da settembre ormai, la fascia dei 13-18enni che anno su anno fa registrare un -10%, diminuzione leggermente piu' pronunciata tra le donne. "Si tratta di un perdita di 350.000 unita', non drammatica ma sintomatica di una difficolta' inedita di stare al passo con le esigenze dei piu' giovani - spiega Cosenza, responsabile della sede romana di Blogmeter -. Plausibilmente non si tratta di 'disiscrizioni', ma di un non utilizzo a favore di nuove piattaforme. Probabilmente quelle di Instant Messaging come Whatsapp, WeChat, che rispondono al desiderio di rimanere in contatto con gli amici in maniera piu' rapida e all'interno di un ambiente percepito come piu' intimo".

Clicca Mi Piace e resta sempre aggiornato!