Italian English French German Spanish
TwitterFacebookYoutubeBlogger
Sabato, 16 Gennaio 2021 12:41

TEATRO “La Mandra”, in scena la compagnia "Il Setaccio"


All’interno del programma “I giorni della libertà” per il 70 esimo anniversario della liberazione di Formia dalle truppe nazifasciste il 14 maggio alle 18 presso il Teatro Remigio Paone la compagnia amatoriale “Il Setaccio” in scena con “La Mandra”

L’iniziativa ad ingresso libero è promossa con il patrocinio del Comune di Formia in collaborazione con l’Ipab SS. Annunziata, la Fondazione Alzaia, i Teatri Riuniti del golfo e la Pro Loco Formia.

Il dramma è tratto da una ricerca di Giacinto Mastrogiovanni su un diario di una giovane ebrea  con l’adattamento e la regia di Antonio Forte. La famiglia Sinigallia amica degli Ascarelli, dopo l’8 settembre 1943 è costretta a lasciare Formia per i continui bombardamenti e a rifugiarsi prima in collina (Castellonorato) poi definitivamente sui Monti Aurunci (Pornito). E’ famiglia agiata,con possibilità di spendere, ma viene continuamente depredata, non solo dai tedeschi, ma anche da lestofanti collaborazioni dei tedeschi che vessano anche le popolazioni sfollate in montagna. I Senigallia,però, si mostrano sempre disponibili ad aiutare tutti, anche perché terrorizzati che qualcuno possa svelare la loro identità di ebrei e quindi soggetti ad essere deportati. Fra mille peripezie ed immani disagi, finalmente arriva la liberazione degli Alleati, ma poco manca che una giovane della servitù venga violentata da un marocchino. Gli avvenimenti si concludono con il 19 maggio 1944 con la partenza della famiglia di Ezechiele (Tommaso Sinigallia) per Napoli. 

Secondo alcune fonti della comunità ebraica di Napoli, la famiglia Senigallia si è salvata ed è emigrata negli USA, invece, nessuna notizia si ha sulla famiglia del fratello di Tommaso e della sorte toccata alla nipote Anna che ha lasciato ai posteri il diario diventato spettacolo.

Clicca Mi Piace e resta sempre aggiornato!